Dal fascino, ammiccanti,
sgargianti o in bianco e nero
la grafica li dipinge.
Dalla porta del login
entrare tu ci puoi…
nessuno ti respinge.

Bella casa virtuale:
un salotto letterario
non da tutti visitato.
Navigando, con prudenza,
immediata è la lettura
del pensiero pubblicato.

Che sia scritto, bene o male,
tutto scorre nel Menu:
“o risotto o minestra”.
Segni o scomode parole?
La lusinga, imbellettata,
or s'affaccia alla finestra.

Per uscire, v’è il logout:
una porta ch’è al servizio
d’una rotta senza fiato.
Via di fuga assai spiccia
per chi l’identità
mai hai dimostrato.

Se l’esser come sei
la convinzione t’arride
i nickname metti al bando.
A qualcuno può piacere:
solo un tratto disegnato…
già si trovano allo sbando.

S'assomiglian tanti siti,
ma non tutti uguali sono,
ti conviene sol viaggiare.
L’apparenza è ormai sovrana!
Scavalcata è già l’essenza,
se, il tuo volto, vuoi mostrare.