Ciao amore mio, sfiorato e perso, sognato e mai avuto... Sei lontano da me eppure, quando ti ho visto ho colto la tua ansia in quel gesto di sfregarti la bocca e il mento che è solo tuo e che so " leggere" come il limite della tua sopportazione. Anche quando ho abbracciato quell'amico in comune che abbiamo perché ancora piange la perdita del suo amore, ti ho visto che cercavi di girarti verso di noi senza darlo a vedere, mi è parso che fossi geloso per quelle effusioni che non erano per te... Tutte le volte è così e poi il nulla... Ed io consumo i miei giorni e le mie ore, vivo le mie insonnie o stringo il mio cuscino sognando di stringermi a te e sentire il battito del tuo cuore e il tuo respiro regolare mentre ti addormenti dolcemente, sicuro come un bambino... Sogni amore mio, inevitabili e dolorosi sogni... Chissà se torneremo vivi da questo quotidiano inferno... Ti amo sempre e comunque, a presto nelle mie lunghe notti di solitudine...