La signora Elisa
è troppo intelligente
ma la mia canzone
non le piace per niente.

Io scrivo del mare
del cielo stellato
dei riccioli d'oro
di un bimbo affamato.

E la signora Elisa
sornione e ridanciana:
"Nun me piace 'a rima vosta
passatela 'sta man'".

Passo ai ricordi di mamma,
all'amore spezzato
di chi si vuol bene
di chi se n'è andato.
Al tempo che vola
nelle quattro stagioni
ai baci smarriti..
quanto erano buoni!

Ma la signora Elisa
con tutta sua malizia
con una faccia a ridere
e con finta mestizia:
"Maestro tu si' sicondo
e nun te vuò fa ragione
sul' cumpare Enrico
tene vera passione".

Allora io canto di lei
della sua simpatia
delle sue belle sembianze
che è tutta la vita mia.

Elisa risponde subito:
"E' inutile che faje
'a canzone che tu cante
nun mme 'ncanterà maje".

La signora Elisa
è troppo intelligente
ma da' canzone mia
nun capisce niente.